Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Legge’

La Pillola Rossa
la scelta

Ancora una volta (vedi La cultura del razzismo), Mantova colpisce al cuore con una notizia a dir poco raccapricciante. La Gazzetta di Mantova così titola un articolo: All’asilo comunale si accettano solo bimbi di famiglie cristiane (vedi)

Al comune di Goito (MN) è stato approvato un nuovo regolamento che pone l’appartenenza della famiglia alla fede cattolica come condizione necessaria per iscrivere i propri figli all’asilo comunale, escludendo in questo modo molte famiglie di immigrati di diverso orientamento religioso. «Il regolamento, proposto dal centrodestra, è stato approvato dalla maggioranza del consiglio comunale, fra le proteste di tutta l’opposizione».

A questo punto è senz’altro legittimo chiedersi: ma l’articolo 3 della nostra Costituzione non recita forse il contrario di quanto è stato affermato dal consiglio comunale? Per avere una risposta obiettiva, basta semplicemente citarlo:

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».

Beh, se questo è modo di rimuovere gli ostacoli, non so proprio cos’altro aggiungere!

E pensare che tale regolamento è stato giustificato per salvaguardare «l’ispirazione cristiana della vita»! Ma erano proprio questi gli insegnamenti di Cristo? O forse Egli era andato ben oltre queste divisioni apparenti di un credo religioso? Anche questa volta taccio e lascio la parola ai testi; è Gesù che parla:

«Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori. […] Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? […] E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario?»
(Matteo 5, 43-47)

Bel modo di manipolare le proprie radici cristiane! Come si impara presto a costruirsi un dio del tutto personale che faccia comodo in ogni occasione.

Scusate l’ennesima domanda, ma chi di voi farebbe mai riparare un’auto da un meccanico che non sa cosa sia una ruota? E perché invece troviamo così normale farci amministrare da chi non ha la ben che minima idea di cosa sia la Costituzione, che dovrebbe essere il “testo sacro” di ogni cittadino?

Leggi anche:

La cultura del razzismo


Ancora una volta (vedi post) Mantova colpisce al cuore con una notizia a dir poco raccapricciante. La Gazzetta di Mantova così titola un articolo: All’asilo comunale si accettano solo bimbi di famiglie cristiane http://gazzettadimantova.gelocal.it/dettaglio/allasilo-comunale-si-accettano-solo-bimbi-di-famiglie-cristiane/1868081 (ecco l’articolo)

Al comune di Goito (MN) è stato approvato un nuovo regolamento che pone l’appartenenza della famiglia alla fede cattolica come condizione necessaria per iscrivere i propri figli all’asilo comunale, escludendo in questo modo molte famiglie di immigrati di diverso orientamento religioso. «Il regolamento, proposto dal centrodestra, è stato approvato dalla maggioranza del consiglio comunale, fra le proteste di tutta l’opposizione».

A questo punto è senz’altro legittimo chiedersi: ma l’articolo 3 della nostra Costituzione non recita forse il contrario di quanto è stato affermato dal consiglio comunale? Per avere una risposta obiettiva, basta semplicemente citarlo:

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».

Beh, se questo è modo di rimuovere gli ostacoli, non so proprio cos’altro aggiungere!

E pensare che tale regolamento è stato giustificato per salvaguardare «l’ispirazione cristiana della vita»! Ma erano proprio questi gli insegnamenti di Cristo? O forse Egli era andato ben oltre queste divisioni apparenti di un credo religioso? Anche questa volta taccio e lascio la parola ai testi; è Gesù che parla:

«Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori. […] Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? […] E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario?»
(
Matteo 5, 43-47)

Bel modo di manipolare le proprie radici cristiane! Come si impara presto a costruirsi un dio del tutto personale che faccia comodo in ogni occasione.

Scusate l’ennesima domanda, ma chi di voi farebbe mai riparare un’auto da un meccanico che non sa cosa sia una ruota? E perché invece troviamo così normale farci amministrare da chi non ha la ben che minima idea di cosa sia la Costituzione, che dovrebbe essere il “testo sacro” di ogni cittadino?

Read Full Post »

La Pillola Rossa
la sceltaL’Italia è ancora un Paese libero?

La sentenza di condanna ai dirigenti Google emessa dal tribunale di Milano è senza precedenti a livello internazionale: l’Italia si presenta al Mondo intero come il Paese precursore per violazione del diritto di libertà del Web!

Il verdetto pronunciato dal giudice Oscar Magi condanna a sei mesi di reclusione con la condizionale tre manager di Mountain View per non aver impedito la pubblicazione su Google video di un filmato che mostrava un minore torinese affetto da sindrome di Down maltrattato da alcuni suoi coetanei (fatto avvenuto nel 2006).
La notizia fa accendere nuovamente i riflettori sul nostro Paese: le maggiori testate internazionali diffondono la notizia “a piena voce”, destando ovunque scalpore e preoccupazione! Eccone solo alcuni esempi: BBC News, Time, Le Figaro,Le Parisien. La troviamo anche in Italia: Il Sole24ore, la Repubblica, Neapolis (Rai.tv), ADNkronos.

«Gli abusi non sono una scusa per violare il diritto a un Internet libero», afferma senza mezze misure l’ambasciatore americano a Roma David Thorne nel commentare l’operato del tribunale.

Vorrei ricordare che attualmente su Google video (come su Youtube) chiunque può pubblicare liberamente un video senza dover passare attraverso alcuna approvazione. Cosa c’entrano dunque i gestori del servizio se un utente ne ha violato il regolamento? Seguendo questa linea d’ora in poi anche i dirigenti delle case automobilistiche saranno passibili di condanne penali nel caso un uomo dovesse essere sorpreso a guidare in stato di ebbrezza un’auto della loro azienda. Con quale motivazione? Semplice, non hanno impedito l’uso illegittimo dell’auto da parte di un proprio cliente!

Puniamo dunque chi commette il reato non chi mette a disposizione degli utenti un servizio o un prodotto!
Altrimenti non potremmo non porci il seguente interrogativo: dopo una sentenza simile sarà ancora possibile la libertà di pubblicazione di materiale sul web? Che effetto avrà sul futuro della rete?

Insomma spero continuamente di essere smentito, invece la realtà dei fatti conferma sempre di più i miei timori… Provate ora a convincermi che il nostro sia ancora un Paese libero!

Leggi anche:

La guerra di Google
Internet: l’Italia controcorrente
Legalità del web e Decreto Romani: nuove liste di proscrizione?
Difendiamo l’articolo 21

L’Italia è ancora un Paese libero?

La sentenza di condanna ai dirigenti Google emessa dal tribunale di Milano è senza precedenti a livello internazionale: l’Italia si presenta al Mondo intero come il Paese precursore per violazione del diritto di libertà del Web!

Il verdetto pronunciato dal giudice Oscar Magi condanna a sei mesi di reclusione con la condizionale tre dirigenti di Mountain View per non aver impedito la pubblicazione su Google video di un filmato che mostrava un minore torinese affetto da sindrome di Down fatto oggetto di scherno da parte di alcuni suoi coetanei (fatto avvenuto nel 2006).
La notizia è apparsa sulla maggior parte delle testate internazionali destando ovunque scalpore e preoccupazione. Eccone solo alcune: (nel mondo) BBC News

Read Full Post »

Nonostante la clamorosa marcia indietro fatta apportando delle opportune modifiche al testo [vedi], il Decreto Romani (che avrebbe istituito un “filtro” di controllo sull’uso di Internet in Italia [vedi]) continua a suscitare perplessità.

Se per ora il pericolo sembra scampato, non si può certo star tranquilli per il futuro. Infatti, stando a quanto afferma Zambardino sul blog di Repubblica.it, il decreto Romani parlerebbe di «siti pericolosi contenuti in un elenco».

La questione a questo punto è la seguente: «Chi decide della liceità di una forma di espressione?» E dunque quale organismo stilerà tale lista?

Chi?

E soprattutto perché delegare ad organismi speciali il controllo sul web? Perché, secondo i “nostri rappresentanti”, non bastano le leggi ordinarie per la sua gestione? Si tratta forse di un altro pianeta-stato abitato da extra-terrestri?

Facciamo attenzione: si parla di liste di siti pericolosi… Ma non è che si vogliono rimettere in piedi le famose liste di proscrizione emanate da Silla ai tempi dell’antica Roma?

Parentesi storica.
Chi era Silla? Un aristocratico romano che, in piena repubblica, si fece assegnare a tempo indeterminato la carica di dittatore per la riforma dello Stato.
La sua prima preoccupazione? Liberarsi degli avversari politici attraverso l’istituzione delle cosiddette liste di proscrizione, elenchi pubblici di nemici dello Stato che chiunque poteva tranquillamente uccidere (ricevendo addirittura una ricompensa).
Fine della parentesi storica…

Articoli correlati:

Internet: l’Italia controcorrente

Difendiamo l’articolo 21

La guerra di Google

La forza del web

Read Full Post »

Pubblicato anche su Prove tecniche di società civile

Giorni intensi per la Scuola italiana: il Consiglio dei Ministri del prossimo venerdì 22 gennaio dovrebbe approvare la riforma della scuola superiore.

Cosa bolle in pentola? Due gli ingredienti principali:

  1. abbassamento dell’obbligo scolastico a 15 anni;

  2. scomparsa della geografia dai curricula scolastici.

Che ricetta sarà mai questa?

Non abbiamo alcun dubbio, si tratta di una nuova pietanza italiana che si distingue nettamente dalla linea culturale europea – d’altronde la cucina italiana ha sempre fatto scuola in Europa, o sbaglio?

Se pensiamo che «nel 2003, una comunicazione della Commissione europea considerava “imperativo categorico” l’investimento efficiente nell’istruzione e nella formazione», ci rendiamo perfettamente conto della posizione esplicitamente controcorrente assunta dal nostro governo.

Già prima, nel marzo 2000, il Consiglio europeo di Lisbona aveva «”ribadito che il futuro dell’economia (e della società) europea sarebbe dipeso dalle abilità dei suoi cittadini e che queste a loro volta avrebbero richiesto un aggiornamento continuativo caratteristico delle società basate sulla conoscenza”». (Articolo su la Repubblica.it) È quanto mai chiaro: il nostro futuro (di italiani) dipenderà dalla nostra abilità di… salvarci!

Insomma con questa mossa della riduzione dell’età dell’obbligo, in un sol colpo, il governo otterrebbe due grossi risultati: un abbassamento culturale delle nuove generazioni e un minor bisogno di insegnanti (logica conseguenza della diminuzione degli alunni)!

E per la scomparsa della geografia dai curricula scolastici? Non c’è alcun problema: oggi disponiamo del Gps! Con tutte le conseguenze che ne derivano…

«La società del Gps è popolata di persone etero-dirette, che si muovono senza un disegno, né un progetto. Non sanno dove andare e neppure dove sono. Questa società – questa scuola – non ha bisogno di geografia, né di geografi. Ma neppure della storia: visto che la geografia spiega la storia e viceversa. Questa società – questa scuola – questo paese: dove il tempo si è fermato e il territorio è scomparso. Dove le persone stanno ferme. Nello stesso punto e nello stesso istante. In attesa che il Gps parli. E ci indichi la strada». (Se dalla scuola (per legge) scompare la geografia su Repubblica.it)

Ma visto che bisogna tagliare ancora sulla scuola, perché il ministro non ha pensato ad una riforma dell’ortografia? Si potrebbe rendere obbligatorio scrivere k per ch, x al posto di per, e così via… (ecc, scusate!) Insomma, tagliando sulle lettere da scrivere avremmo un sensibile risparmio… d’inchiostro!

Il crocifisso italiano: facciamo chiarezza »

« La guerra di Google

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: