Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Mariastella Gelmini’

Pillola Rossa

 

la voce degli studenti

Fonte foto: riviera24.it

Gli studenti delle scuole superiori occupano i propri istituti in diverse città italiane e nessuno degli organi di informazione tradizionale ne parla! È questa la libertà di informazione italiana? È questa la democrazia?

Succede in diverse città italiane: a Roma, a Modena, a Ravenna, a Imperia, a Torino, a Milano, a Genova, a Napoli, a Palermo, a Bari… (per i dettagli sugli istituti vedi retedellaconoscenza.it)

E i mass media tradizionali? Tacciono!

Ma la rete è più forte di queste intimidazioni e diffonde la sua voce: facciamo sapere la verità! Il futuro è dei giovani, ma anche nostro e dei nostri figli: il futuro è di tutti!


 

Annunci

Read Full Post »

La Pillola Rossa

Questo post è completamente dedicato ai dati numerici che vengono fuori da un’analisi concreta della situazione relativa alle ore di lingua nei vari istituti superiori. L’indagine è stata condotta prendendo come riferimento i quattro istituti del territorio carpigiano (MO) ma è significativa ed esemplificativa anche per avere un’idea chiara di quanto sia successo a livello nazionale dal momento che la riforma scolastica (cosiddetta Gelmini) si applica a tutte le scuole della Repubblica italiana. I dati sono verificabili da chiunque e l’indagine è estensibile a qualunque scuola del territorio: basta munirsi di pazienza e buona volontà procedendo alla comparazione dei dati pubblicati sul POF (piano dell’offerta formativa, il documento fondamentale di ogni istituto scolastico) dell’anno scolastico in corso con quelli degli anni scolastici precedenti, procedendo per singola scuola e singolo indirizzo.

Il quadro sinottico di seguito riportato è il risultato del certosino lavoro di ricerca e comparazione svolto da Viviana Valentini (a cui va il nostro più vivo ringraziamento).

numero ore settimanali nell’arco dei cinque anni
Prima della riforma Dopo la riforma
Inglese
Liceo scientifico tradizionale monolingue 17 15 – 2
Liceo scientifico tradizionale con bilinguismo 15 scompare bilinguismo
Liceo delle Scienze Sociali /Scienze umane indirizzo economico 15 15 =
Liceo Linguistico 20 17 – 3
Liceo tecnologico /Scienze applicate 15 15 =
Istituto tecnico commerciale “Igea” – Amministrazione, Finanza e Marketing 15 15 =
Istituto tecnico commerciale “Mercurio” – Sistemi Informativi aziendali (solo triennio) 9 9 =
Istituto tecnico commerciale “Erica” – Relazioni internazionali per il Marketing 23 15 – 8
Istituto tecnico commerciale “Sirio” (serale) 15 15 =
Istituto professionale commerciale Gestione aziendale / Servizi Commerciali 17 15 – 2
Istituto professionale commerciale Impresa Turistica / Servizi Commerciali 19 15 – 4
Istituto Tecnico Industriale – Elettronica 14 15 + 1
Istituto Tecnico Industriale – Meccanica 14 15 + 1
Istituto Tecnico Industriale – Tessile 14 15 + 1
Istituto Tecnico Industriale – Informatica 15 15 =
Istituto Tecnico Industriale F.A.S.E. (Fisica Ambientale e Sanitaria Europea) 14 15 + 1
Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato – indirizzo Abbigliamento e moda 15 15 =
Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato – indirizzo meccanica, elettronica, elettrico 14 15 +1
Seconda lingua
Liceo scientifico tradizionale con bilinguismo (francese/tedesco) 17 scompare – 17
Liceo delle Scienze Sociali /Scienze umane indirizzo economico 15 15 =
Liceo linguistico 20 18 – 2
Istituto tecnico commerciale “Igea” – Amministrazione, Finanza e Marketing 17 15 – 2
Istituto tecnico commerciale “Mercurio” – Sistemi Informativi aziendali (solo triennio) 6 9 + 3
Istituto tecnico commerciale “Erica” – Relazioni internazionali per il Marketing 25 15 – 10
Istituto tecnico commerciale “Sirio” (serale) 8 6 -2
Istituto professionale commerciale Gestione aziendale / Servizi Commerciali 15 15 =
Istituto professionale commerciale Impresa Turistica / Servizi Commerciali 16 15 – 1
Terza lingua
Liceo linguistico 15 (su tre anni) 18 (su cinque anni) + 3
Istituto tecnico commerciale “Erica” – Relazioni internazionali per il Marketing 13 (su tre anni) 9 (su tre anni) – 4

Lo so ora vi starete chiedendo: ma come il volantino della Giovane Italia (analizzato nel post precedente, vedi a questo link), il movimento dei giovani del PDL di Carpi, non riportava la voce (al punto 5) dell’inserimento dell’inglese in tutto il quinquennio delle scuole superiori? E come mai ci sono tutti questi segni meno proprio in relazione alla lingua inglese?

Beh, la risposta è più semplice di quella che può apparire: lo slogan, citato come punto di forza della riforma, trascura solo un piccolo particolare: si riferisce ai vecchi quadri orari sostituiti da decenni dalle sperimentazioni che non solo avevano già introdotto l’inglese dappertutto ma, in molti casi, anche le seconde lingue! Ma d’altronde (come abbiamo avuto già modo di vedere nel post Scuola: anche gli studenti ingannati dalla riforma) l’intero volantino è stato redatto giocando sulla “dimenticanza” di altri elementi essenziali! L’informazione più è incompleta e più risulta efficace, non vi pare? Ah no, avete ragione, mi correggo: più è incompleta e più risulta rispondente agli interessi di chi la pubblicizza!

E allora non mi resta che augurarvi “buona riflessione”!
Che lo spirito critico sia sempre con noi!

Read Full Post »

La Pillola Rossa

 

Il fumo negli occhi - analisi di un volantino

 

Il fumo negli occhi – analisi di un volantino

Qualche giorno fa davanti alla mia scuola alcuni studenti mi hanno dato il volantino visibile nell’immagine sopra riportata. Leggendolo alcune riflessioni si sono fatte subito largo nella mente; ma procediamo con ordine.

Si apre in alto con una domanda: «La scuola è finita?» Per attendere la risposta non si ha bisogno di molto: quel «più» senza accento sembra proprio dire di sì; ed ecco che quel punto interrogativo si trasforma immediatamente in esclamativo… La scuola è finita! – e pensare che un volantino dovrebbe essere un biglietto da visita!

Più emblematica risulta invece la frase nel riquadro, «Combattete la VOSTRA battaglia!» Quel «vostra» così in evidenza sembra proprio voler dire: “ognuno combatta la sua battaglia, voi la vostra noi la nostra (i nostri interessi prima di tutto 😉 )”

«Non tutto è come ve lo fanno apparire!», vero: è anche peggio! (n.d.a. perdonate lo stile, riporto alla lettera)

Ma veniamo al retro: «è utile sapere che… la riforma Gelmini»… è bella e buona (vedi a questo link l’immagine di Bart Simpson alla lavagna).

Punto 1.
Perché non ridurli ad uno solo? Con un solo indirizzo sì che la scelta sarebbe stata semplificata: non si poneva proprio il problema!
Ma forse potrebbe essere un’ottima idea da cui trarre spunto: magari per i prossimi compiti in classe invece delle solite tre o quattro tracce ne darò una sola; semplificare al massimo, è questo lo spirito ministeriale, non vi pare?

Punto 2.
E dei
circa 150.000 licenziamenti in tre anni non diciamo nulla? Non vi sembra che facendo un po’ di conti questa cifra equivale allo smantellamento di un’intera azienda come la Fiat che conta nel suo gruppo 190.000 dipendenti nei 188 stabilimenti presenti in tutto il mondo? Ma perché l’Italia ha bisogno della Fiat? E della scuola cosa volete che se ne faccia?!
I 3000 posti da preside? Vorrà dire che dal prossimo anno scolastico avremo più presidi che professori!

Punto 3.
È così vero che gli alunni sono costretti a pitturare loro stessi le proprie aule; senza contare il sovraffollamento a cui debbono sottostare: 30 e più unità per classe in spazi ristretti e fuori norma, altro che sicurezza!

Punto 4.
È proprio un toccasana, soprattutto ora che la riforma ha creato nuove materie per le quali il ministero non ha ancora fornito le linee programmatiche: della serie che bisogna scegliere un testo a caso e tenerselo per almeno cinque anni!

Punto 5.
E per riuscirci ne ha ridotto le ore settimanali nei vari anni scolastici! Ma non ha tagliato solo le ore di lingua: anche quelle di molte altre materie sono state eliminate, soprattutto quelle di indirizzo – beh, ma qualcosa bisogna pur toglierla! Non vi pare?

Punto 6.
Questa non l’ho proprio capita! Qualcuno me la spiega? A me pare piuttosto che anche in questo caso abbia semplificato il problema: non assume e basta! Ha persino eliminato il ricambio generazionale dovuto ai pensionamenti che non sono stati rimpiazzati in nessuna forma (per approfondire vedi qui le dichiarazioni del ministro poco matematico)

E se ci sono tanti precari è perché il governo italiano (da diversi anni a questa parte) preferisce risparmiare sulle spalle dei lavoratori piuttosto che offrirgli il necessario incarico di ruolo!

Concludo scusandomi con quel povero Mazzini per l’improprio richiamo alla sua Giovine Italia: spero che giaccia ben seppellito nella sua tomba per sopportare la firma di tale volantino!

P.S. Per approfondire la questione relativa al punto 5, basta consultare i relativi dati numerici al seguente post:

Dati alla mano: approfondimento al volantino del PDL

Read Full Post »

La Pillola Rossa

 

Problemi di stitichezza? Enterogelmini è la soluzione che fa per te!

 

Problemi di stitichezza? Enterogelmini è la soluzione che fa per te!

 

A scuola sarai un "cittadino libero"

 

Vai a scuola e sarai libero di pensare!

Non ti sforzare, c’è chi lo fa per te!

Libero, ma poi da cosa? …insomma questa è l’Italia!

 

Taglia, non serve!

 

Ce lo dimostrano ogni giorno: per riuscire nella vita la scuola non serve. E allora distruggiamola! 😉

E tu? Non dai il tuo contributo volontario?

Leggi anche:

– Lo sciopero della scuola contro la riforma dei tagli

– Politica e riforma della scuola: il carnevale italiano

– Riforma della scuola: i tagli del cacciavite inforbiciato

– Precari e disoccupazione – noi figliastri di uno Stato patrigno

– La scuola in piazza: non tagliarmi, adottami!

Read Full Post »

La Pillola Rossa

 

No alla riforma dei tagli!

 

Si prevede un autunno caldo per la scuola… Diverse sono le soluzioni che bollono in pentola: domani 8 ottobre è previsto lo sciopero orario (che riguarda la prima ora di lezione) proposto dalla CGIL mentre l’ UNICOBAS lo estende all’intera giornata; il 15 ottobre invece lo sciopero è patrocinato dai COBAS… Insomma ancora una volta i sindacati non si accordano tra loro e la prospettiva di uno sciopero unitario resta sempre un miraggio utopico. Ed ecco che i soliti interrogativi si fanno spazio tra i pensieri: queste azioni “disordinate” sono davvero efficaci? Faranno sentire la nostra voce?

O sarebbe piuttosto il caso di mettere in tavola alternative diverse? Una forma di sciopero ad oltranza non siamo proprio capaci di metterla in essere? E in barba agli accordi sindacali che limitano, fino a quasi annullarle, le possibilità di azioni concrete da parte delle categorie scolastiche: qui si tratta di difendere il futuro del nostro Paese!

E se provassimo a bloccare le gite scolastiche? Nonostante sia convinto della loro valenza didattica credo sia opportuno agire in questo settore: solo se si intacca l’economia si riesce a far sentire il peso della nostra voce! Certo si presenta anche l’esigenza di parlare ai tour operator specifici spiegando loro che non vogliamo certo penalizzarli, ma che non abbiamo tante altre alternative efficaci per far sentire la nostra voce – tra le altre cose quest’anno sono stati annullati i già ridicoli compensi aggiuntivi che erano previsti per i docenti accompagnatori. Anzi, siamo più che disposti ad accettare loro suggerimenti in modo da operare non contro di loro ma insieme a loro, per il futuro di tutti.

Conosco già le perplessità di molti di noi: “bloccando le gite penalizziamo i ragazzi” e pensieri simili. Certo, se guardiamo solo al presente non agiamo in loro favore… ma se guardassimo un po’ più in là del nostro naso e quindi anche al futuro potremmo ancora affermare di agire contro i loro interessi? Non mi pare che la riforma sia stata pensata in funzione del miglioramento delle offerte didattiche per i nostri alunni! E stiamo ancora a preoccuparci di questioni morali che in realtà sono solo apparenti?! Sì, sono apparenti perché guardano solo all’immediato presente: metteremmo una pezza a colori oggi, ma domani saremo capaci di metterla ancora una volta?

Bisogna necessariamente rinunciare a qualcosa se si vuole ottenere una risposta concreta!

Vogliamo per caso dimenticare la questione delle classi sovraffollate? Spazi ristretti e alunni sempre più numerosi fino ad oltrepassare i 30 per classe, con gravi conseguenze negative non solo per la didattica ma anche per la mera sicurezza – ricordo che le leggi sulla sicurezza scolastica prevedono un massimo di 25 alunni per classe. Se n’è fatto più nulla? Quali sono i provvedimenti da adottare per far rispettare al ministero le norme della società civile?

E se come collegio docenti proponessimo anche modalità di verifica diverse per queste classi in questione? Mi spiego con un esempio: mediamente il POF (piano dell’offerta formativa delle scuole) prevede (per le materie scritte) tre prove scritte e due orali per ogni quadrimestre; e se votassimo per due verifiche scritte al posto delle tre attuali nelle classi che superano i 25 alunni (prevedendo magari modalità di recupero per coloro che non raggiungono la sufficienza)?

Insomma, le ore settimanali di molte materie sono state decurtate, il numero totale degli alunni per classe è cresciuto… e noi dovremmo continuare a garantire la stessa offerta didattica?!?! Di questo passo finiremo tutti alle stesse condizioni degli schiavi delle piantagioni di cui la storia ci ha dato notizia e i nostri padroni saranno sempre e solo quei pochi rappresentanti di se stessi che però hanno accesso alla stanza dei bottoni.

Leggi anche:

– Politica e riforma della scuola: il carnevale italiano

– Riforma della scuola: i tagli del cacciavite inforbiciato

– Precari e disoccupazione – noi figliastri di uno Stato patrigno

– La scuola in piazza: non tagliarmi, adottami!

Read Full Post »

Intermezzi di Roberta Roberti

il carnevale della politica italiana

Mi sono domandata spesso negli ultimi anni quali siano i criteri sulla base dei quali vengono scelti i funzionari ministeriali. Mi sono detta che senza dubbio erano loro richieste cieca obbedienza, entusiastica adesione al dettato ministeriale, fedeltà incondizionata… linea di fermezza, insomma.

Tuttavia, dopo la faccenda che ha coinvolto Francesco Mele(*), il mio leader visto che già so che verrò annoverata fra i suoi pericolosi seguaci, devo tuttavia ammettere come mi fosse sfuggito un altro innegabile pregio di tanti dei nostri dirigenti: l’arguzia.

Come Walt Disney in alcuni suoi film animati, qualcuno ci ha voluto mandare un sottile messaggio… sub-liminale.

A parte la linea di fermezza, cioè il bavaglio, tutto il resto è Carnevale!
Avete capito o no che prima o poi qualcuno verrà a dirci che stavano scherzando?
I tagli, la “legge” Gelmini, gli attacchi ai diritti degli studenti e dei docenti, dei genitori e dei cittadini, la distruzione programmata e inesorabile della scuola pubblica statale, le classi che scoppiano, le materie che scompaiono, le ore di sostegno che spariscono, i laboratori che non possono funzionare… erano tutti scherzi!!!!

In effetti, è un mondo alla rovescia quello in cui i docenti lavorano in condizioni sempre peggiori e di più, ma guadagnano circa il 9% in meno e si ritrovano pure congelati gli scatti di anzianità… E NON DICONO NIENTE!!!
In effetti, va tutto all’incontrario se ci dicono che siamo nella società della conoscenza e poi smantellano il sistema educativo della Repubblica e la scuola della Costituzione!
In effetti, che senso avrebbe veder negare il diritto allo studio, il diritto ad una buona scuola, dover pagare per fruire di un diritto costituzionale, vedersi tagliare le ore e i progetti educativi e didattici, E NON DIRE NIENTE?

Sono arrivati persino a sostenere che i tagli servono a migliorare la qualità della scuola pubblica!

Eppure, anche se mi sento sollevata, continuo a credere che a Carnevale ci si dovrebbe divertire un po’ di più.
Questi scherzi non sono stati molto divertenti e sono durati un po’ troppo. Bel gioco, dura poco.

A noi, cari signori funzionari e dirigenti ministeriali, questa sembra più un’interminabile notte di Halloween, con macabre zucche e morti viventi che gridano e sproloquiano, i forbicioni sguainati: tagli, tagli, tagli e grembiulini che svolazzano, lavagne che si illuminano…

Un clima da caccia alle streghe e richieste di abiura… quasi che non ci fosse più alcuna democrazia nella scuola, che si volesse negare la libertà di espressione e di insegnamento, che si volessero esautorare di fatto di ogni potere decisionale i collegi dei docenti e i consigli di istituto…

Un po’ una notte degli orrori, insomma.
Aspetto dunque di svegliarmi insieme agli insegnanti, ai genitori, agli studenti, agli intellettuali, ai cittadini di tutto il Paese, e di uscire da questa macabra festa, di offrire a questi burloni qualche dolcetto, pur di vederli sparire senza fare qualche altro scherzetto.

Svegliamoci!

Dipende solo da noi riprenderci la nostra dignità: tiriamo su la testa e cerchiamo di vedere finalmente l’alba.

Mandiamo gli zombi a dormire.

Note

(*) il docente che ha subito la censura da parte di Limina, il dirigente scolastico della regione Emilia Romagna.

Read Full Post »

La Pillola Rossa

Ecco quanto si legge nell’articolo di Repubblica, Gelmini: “Precari assorbiti in 6-7 anni”. Le nuove regole per diventare docenti:

«Nel 2009 – ha ricordato il ministro – i tagli effettuati nella scuola ammontavano a 42 mila unità ma con 30 mila pensionamenti sono scesi in realtà a 12 mila. Quest’anno il taglio previsto era di 25 mila posti ma sono scesi a duemila considerando le uscite per pensione. Dunque in totale si tratta 14 mila persone senza posto. Abbiamo motivo di credere – ha assicurato – che a queste 14 mila persone sarà trovato un lavoro».

Forse sarò io a sbagliare e non sarò capace di consultare un dizionario, ma secondo la definizione data dal Garzanti, per esempio, pensionato non è «chi cessa un rapporto di lavoro in quanto ha superato una determinata età (pensione di vecchiaia) o ha prestato un certo numero di anni di servizio (pensione di anzianità) o è rimasto invalido (pensione di invalidità) e beneficia di un sistema di previdenza pubblico o privato»?
Stando a tale definizione dunque un pensionato è una persona che non ricopre più mansioni lavorative presso un ente, un’azienda o simili, dunque è un lavoratore in meno! Non siete d’accordo?

E allora che razza di matematica è questa usata dalla star dell’Istruzione pubblica?!?! Sottraendo due quantità diverse da un insieme ottengo un’addizione??? Mica sta parlando di moltiplicazione dove “meno per meno fa più”!

Ma lasciamola stare, poverina non ci arriva, non è colpa sua: è colpa nostra che l’abbiamo eletta!

E direi anche di smetterla di prendercela solo con il governo attuale: la responsabilità è dell’intera categoria che si arroga la denominazione di classe politica italiana, mica solo di alcuni! In Italia i politici veri non esistono! Che siano di maggioranza o di opposizione sono tutti volti ai propri interessi personali a scapito e a spese dei cittadini italiani – intendiamoci, forse ce lo meritiamo anche dato il nostro carattere fondamentalmente “pecoresco” votato all’obbedienza cieca se non per tentativi di sotterfugio furbesco a danno altrui.

Ricorderei per esempio che la riforma Moratti non fu mai abrogata in quanto il governo Prodi la sospese semplicemente non presentando una riforma alternativa da discutere in parlamento… se ne uscirono solo con quel “cacciavite” di Fioroni che non fece altro che aprire la strada al governo attuale:

i finanziamenti alle scuole private sono aumentati proprio ai tempi di Prodi, Fioroni & co.

le incostizionali graduatorie ad esaurimento (che vincolano la vita di un precario ad una provincia per l’eternità, o meglio “fino a che morte non vi separi“) sono opera del tanto atteso Fioroni.

Ecco l’evento in programma oggi alla festa dell’Unità di Bologna:

Uscire dalla crisi. Scuola, lavoro e welfare
Susanna Camusso, Giuseppe Fioroni
Coordina Lina Palmerini (Il Sole 24 Ore)

Ma con che coraggio andare a parlare di tali temi, proprio lui! È il momento che anche questi di sinistra si prendano le proprie responsabilità e la smettano di farsi belli solo in prospettiva di nuove elezioni!

Questo della scuola non è un problema di destra o di sinistra: la malafede della casta dei politici italiani è comune ad entrambi gli schieramenti.
Noi vogliamo difendere la scuola pubblica perché la dignità e il futuro di tutti noi cittadini sono più importanti di coloro che li calpestano e che pensano solo ed esclusivamente ai propri interessi!!!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: