Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Teatro’

Teatro

«Fisico, filosofo eccellente.
Musico, spadaccino, rimatore,
del ciel viaggiatore,
Amante, non per sé, molto eloquente,
Qui riposa Cyrano
Ercole Saviniano
Signor di Bergerac,
che in vita sua fu tutto e non fu niente!»

Io me ne vo… Scusate: non può essa aspettarmi.
Il raggio della luna, ecco, viene a chiamarmi.

E ammirando la bellezza del viaggio delle foglie, che dal ramo alla terra lasciano la propria vita con una maestria tale che «questa loro caduta abbia la grazia d’un volo», con gli occhi di lei nel cuore, non vide più la primavera.

Nei suoi occhi, blu come il cielo e come il mare insieme, vide la sua vita e le tracce di un incontro nel tempo ricercato. Immagini che dal passato restituivano echi di vita vissuta e speranze di vita da vivere… svanite come un sogno infranto.

«Ho fatto un sogno stupendo. Ora il sogno si è allontanato da me» (Morpheus, in Matrix Roloated).

Solo un aforisma di Oscar Wilde, può amaramente addolcire la pillola: «Poiché un sognatore è colui che vede la sua strada solo al chiaro di luna, la sua punizione è vedere l’alba prima del resto del mondo».

Ma mentre cala il sipario, Cirano con orgoglio mostra il suo «pennacchio»: la vita è più forte, finanche dell’amore!

Leggi anche:

Cyrano de Bergerac – Atto I

– E se “Zacinto” fosse nata da “Venere”?

– Pensando a… Ungaretti

Read Full Post »

Analisi del testo

L’opera di Rostand si apre con una rappresentazione teatrale. La scena si sviluppa nella sala del palazzo (di Borgogna) dove di lì a poco dovrà svolgersi uno spettacolo: il pubblico, quanto mai vario (costituito da borghesi, soldati, ladri), accorre disordinatamente a riempire palchi e platea…

Sono subito manifeste le intenzioni di Rostand: parlare di letteratura attraverso la letteratura. In primo luogo, il personaggio principale del dramma, il Cyrano, è liberamente ispirato ad un personaggio reale, Savinien Cyrano de Bergerac, scrittore e poeta francese vissuto nel XVII secolo. L’apertura dell’opera poi, riprendendo l’espediente shakespeariano del teatro nel teatro, sottolinea con maggiore forza gli intenti dell’autore.
Lo stesso Cyrano non è introdotto direttamente nella scena; è anzi presentato dagli altri personaggi che parlano di lui, narrandone le gesta.
Nella mente del lettore/spettatore comincia così a delinearsi un’idea eroica del protagonista, rafforzata poi dall’irrompere improvviso di una voce che si alza dalla folla: è Cyrano che si manifesta, nello stesso istante, all’opera e allo spettatore. Mostra subito la sua spavalderia e la sua fierezza («Scelsi di distinguermi sempre e comunque potessi»), mettendo ben in luce la caratteristica preminente che lo accompagnerà fino all’ultimo verso: l’attaccamento alla libertà (simboleggiata dal suo “fedele” pennacchio), con la spada sua unica protettrice.

«Io vo’ senza nulla che in me non splenda, senza
ombra; e mi son pennacchio franchezza e indipendenza
».

Con la sua irruzione Cyrano interrompe lo spettacolo appena iniziato e dà avvio alla propria rappresentazione.
È a questo punto che sviluppa la celebre tirata, nella quale in tono amichevole, descrittivo, curioso, vezzoso, truculento, cortese, tenero, pedante, arrogante, enfatico, drammatico, ammirato, lirico, semplice, rispettoso, rustico, militare e pratico, descrive quel goffo naso che si ritrova nel mezzo del suo viso.

Spadaccino versificatore, si cimenta in un “duello in versi”: mentre si batte compone una ballata (in metrica, particolare forma di canzone) con la quale descrive le sue azioni, fino ad affondare la sua lama nel corpo dell’avversario:

«Ecco: io paro, io fingo, io scocco…
[…] Giusto alla fin della licenza io tocco
».

Assistiamo poi alla confessione di Cyrano all’amico Le Bret: «il cor» gli «balza in petto» per l’amore che prova per la bella Rossana e per il dolore che lo affligge per la propria figura munita d’ un’appendice che lo «precede di un quarto d’ora dovunque vada».

Si chiude così il primo atto e il sipario cala anche sull’analisi di esso.

Nel prossimo scritto della sezione troverete il seguito.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: