Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Non insegnate ai bambini’

Laboratorio di scrittura (testo di Vittuz)

I bambini sono l’immagine dell’innocenza. Io Appena vedo un bambino, la prima cosa che noto sono i [suoi] occhi grandi e lucidi, non ancora segnati dal mondo.
Mentre riflettevo sulla canzone mi è venuta in mente un’immagine:

Un bambino, mentre gioca sulla spiaggia, vede le impronte del padre; è [subito] portato a seguirle, ma le falcate sono troppo grandi e il suo piedino non riempie del tutto il solco.
Il papà intanto è di spalle alcuni passi davanti a lui, non sa che il figlio lo sta seguendo.
Il piccolino aumenta il passo, ma la distanza fra le impronte è sempre troppo grande e i suoi piedi e le sue gambe ancora troppo piccoli… dietro di lui la paletta e il secchiello vengono inghiottiti dal mare.

Non spiegate ai bambini il mondo, sanno già tutto quello che devono sapere e, se vi fanno qualche domanda, spiegate [loro] che è colpa del vento. Raccontategli storie, ma non spiegategli il mondo: non spegnete le loro iridi con il suo buio; non spezzate le loro ali prima ancora che imparino a volare. Non fateli vivere del nostro passato; lasciate che si facciano una [loro] idea (anche [se] stupida) del mondo, basta che non sia quella [precostruita dalla nostra “cultura”].
Arriverà anche per loro il tempo del primo telegiornale quando, per la prima volta, si prenderanno la testa fra le mani e rifletteranno, [quando], ancora per la prima volta, usciranno veramente di casa e si guarderanno intorno… allora sì che rimpiangeranno gli anni delle fate e dei folletti.
Quando tutto ciò accadrà non guardateli negli occhi perché ne rimarrete delusi.

Leggi anche:

Giorgio Gaber – Non insegnate ai bambini

Giorgio Gaber, Non insegnate ai bambini: riflessione

Al posto di Cyrano avresti rivelato il tuo amore per Rossana o l’avresti taciuto?

Read Full Post »

Laboratorio di scrittura
(testo di Vignus)

In questa canzone (vedi testo e video) l’autore Giorgio Gaber ci vuol far capire che i bambini sono l’unica parte innocente di questo mondo e che non dobbiamo influenzarli con le nostre menti stressate e malate dalla vita quotidiana. È una canzone molto profonda e io concordo in pieno con Gaber. Se non lasciamo fantasticare i bambini, (loro che possono e che non si fanno problemi), quando si affacceranno al mondo reale cosa vedranno? Solamente un mondo spento e triste; un mondo che non ha voglia di essere vissuto e che rimane impassibile, sempre e comunque.

Quindi lasciamoli crescere come vogliono e insegniamogli solo la magia della vita. Dobbiamo essere capaci di insegnargli che il mondo alla fine è bello e va preso nel migliore dei modi, in qualunque situazione ci troviamo. Non dobbiamo influenzarli con i nostri problemi riguardanti la politica, la religione, il lavoro, anzi l’unica cosa sicura è tenerli lontano dalla nostra cultura. Dobbiamo essere capaci di dare fiducia all’amore e di credere in loro. Insomma, è meglio non insegnare ai bambini perché in fondo, il loro mondo non ha bisogno dei nostri insegnamenti ma necessita solo di fantasia, felicità e libertà.

Leggi anche:

Giorgio Gaber – Non insegnate ai bambini

Al posto di Cyrano avresti rivelato il tuo amore per Rossana o l’avresti taciuto?

Read Full Post »

Musica

Testo

Non insegnate ai bambini
non insegnate la vostra morale
è così stanca e malata
potrebbe far male
forse una grave imprudenza
è lasciarli in balia di una falsa coscienza
.
.
Non elogiate il pensiero
che è sempre più raro
non indicate per loro
una via conosciuta
ma se proprio volete
insegnate soltanto la magia della vita
.
.
Giro giro tondo cambia il mondo.
.
Non insegnate ai bambini
non divulgate illusioni sociali
non gli riempite il futuro
di vecchi ideali
l’unica cosa sicura è tenerli lontano
dalla nostra cultura.
.
Non esaltate il talento
che è sempre più spento
non li avviate al bel canto, al teatro
alla danza
ma se proprio volete
raccontategli il sogno di
un’antica speranza
.
.
Non insegnate ai bambini
ma coltivate voi stessi il cuore e la mente
stategli sempre vicini
date fiducia all’amore il resto è niente
.
.
Giro giro tondo cambia il mondo.
Giro giro tondo cambia il mondo.

Leggi anche:

Giorgio Gaber, Non insegnate ai bambini: riflessione

Pink Floyd, Wish You Were Here… 35 anni dopo

Charles Baudelaire – L’albatros

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: